NEWS & OFFERTE

Per fermare lo scorrimento porre il mouse sopra il testo.


BREXIT!

Grazie al Brexit la Lira Sterlina
è ai minimi storici: ca. -20%!!
Quale miglior momento per un
soggiorno studio in GB?

Clicca qui per maggiori informazioni!



AUSTRALIA!

Prenotare oggi un soggiorno linguistico
in Australia non é mai stato così conveniente!
Grazie al dollaro australiano sceso ai
minimi storici rispetto al franco svizzero.

Clicca qui per maggiori informazioni!


DETTAGLI INDIA


  • Visto
  • Vaccini
  • Sanità, cure mediche
  • Emergenza
  • Telefono, elettricità
  • Patente di guida, circolazione stradale
  • Trasporto aereo
  • Importazione
  • Alimentazione
  • Animali
  • Stagioni
  • Quando partire
  • Da non perdere

  • Superficie:  3.287.263 km²

    Popolazione: ca. 1.200.000.000 abitanti (!!)

    Densità della popolazione: ca. 350 abitanti per km²

    Capitale:  New Delhi

    Ora locale:  UTC + 5.30

    Durata del giorno:  Le giornate più lunghe si hanno a giugno con 13 ore di luce mentre le più brevi sono a dicembre con 11 ore di luce al giorno.

    Governo:  Repubblica parlamentare federale

    Lingua ufficiale:  l’hindi è la lingua ufficiale del governo e la più parlata, l’inglese è lingua ufficiale sussidiaria (ampiamente utilizzato in economia e nelle gestioni aziendali), il sanscrito e altre 21 (!!!) lingue a livello regionale

    Religioni: ca. ca. 80,5% induisti, ca. 13,5% musulmani, il resto si divide tra minoranze religiose: cristiani, sikh, buddisti, ebrei, parsi e altre religioni tribali.

    Visto

    Tutti i cittadini svizzeri e italiani necessitano di visto per recarsi in India. La richiesta va effettuata presso la struttura diplomatica indiana presente nel proprio paese di origine.

    Vaccini

    Per i viaggiatori provenienti dalla Svizzera o dall’Italia non è obbligatorio alcun vaccino, consigliamo comunque di informarti presso il tuo medico di fiducia almeno 5 settimane prima della partenza per eventiuali cambiamenti o di consultare i siti delle ambasciate indiane del tuo paese di residenza.

    Sanità, cure mediche

    Il sistema sanitario indiano non è affidabile, eccetto che per le cliniche private che si possono trovare nei maggiori centri urbani. Si reperiscono facilmente solo i medicinali più blandi quindi se si necessitano di farmaci particolari è meglio portarne una scorta sufficiente per la durata del soggiorno.
    Sono endemiche nel paese diverse malattie trasmesse con punture di zanzara, si consiglia pertanto di adottare le dovute precauzioni come zanzariere e lozioni. Altresì opportuno sarà adottare precauzioni igieniche mangiando solo cibi ben cotti e bevendo acqua in bottiglia.
    Prima di partire è fortemente consigliato stipulare un’assicurazione sanitaria che copra le eventuali spese mediche.

    Emergenza

    Per richiedere l’assistenza di un’ambulanza digitare 102, per la polizia invece 100.

    Telefono, elettricità

    Per chiamare l’India dalla Svizzera o dall’Italia il prefisso internazionale è 0091+ il numero dell’abbonato.
    Per chiamare la Svizzera dall’India il prefisso internazionale è 0041+ il numero dell’abbonato.
    Per chiamare l’Italia dall’India il prefisso internazionale è 0039+ il numero dell’abbonato.
    Corrente elettrica: tensione 230 V, frequenza 50 Hz. Prese elettriche utilizzate di tipo C, D ed M.

    Patente di guida, circolazione stradale

    Per guidare in India occorre essere muniti di una patente internazionale modello Convenzione di Ginevra 1949.
    La circolazione stradale è a sinistra con sorpasso a destra. Un’auto con volante posizionato a sinistra dovrà esporre sul retro un cartello che lo specifichi “LEFT HAND DRIVE”.
    Obbligatorio per tutti indossare cinture di sicurezza ed avere un’assicurazione RC.

    Trasporto aereo

    I collegamenti aerei per l’India sono buoni durante tutto l’anno. Gli aeroporti più importanti con collegamenti internazionali sono quelli di New Delhi, Mumbai, Kolkata e Chennai. La compagnia di bandiera è la Air India che opera tratte nazionali ed internazionali in Asia, Europa e Nord America.

    Importazione

    È obbligatorio dichiarare in dogana il possesso di somme superiori ai 5.000$ all’arrivo in India. Da ricordare che è vietato esportare valuta in Rupie dal paese.
    È vietato esportare oggetti più antichi di 100 anni e qualsiasi prodotto derivato da animali protetti.
    Non si possono introdurre nel paese telefoni satellitari, ricetrasmittenti o telescopi.
    Per chi viaggiasse con cani o gatti, si dovrà tenere presente che gli animali devono essere accompagnati da certificato di vaccinazione antirabbica e buona salute, datati più di sette giorni prima dell’arrivo in India.
    Si consiglia comunque di consultare la pagina web dell’Autorità indiana per le dogane, dedicata all’importazione ed esportazione di beni e animali: http://www.cbec.gov.in/travellers.htm

    Alimentazione

    La cucina indiana è caratterizzata da una stupefacente varietà di stili regionali e da un differente uso delle spezie che danno colori, odori e sapori ai piatti tipici di ogni zona. Gli ingredienti di base sono il frumento, specialmente nel nord del paese, e il riso nelle regioni del sud e dell’est.
    Nel nord si consumano molta carne e yogurt, nel Punjab nacque il tipo di cucina tandoor, un tipo di forno che consente la cottura ad alte temperature.
    Nelle regioni del sud invece si hanno più legumi e cereali, riso condito con tante salse differenti e si cucina molto con l’olio.
    Sulle regioni costiere abbondano pesci, molluschi e crostacei, molte le coltivazioni di alberi da frutto per cui banane, papaie, manghi e limoni sono parte integrante della dieta di queste zone.
    Comune a tutto il paese è il consumo di pane, originariamente piatto e senza lievito: costituisce elemento indispensabile del pasto. Dato che principalmente i piatti serviti si mangiano con le mani, il pane serve anche da utensile.

    Animali

    La fauna indiana è ricca di felini come tigri, pantere, leoni e ghepardi, anche i leopardi delle nevi sebbene in pericolo di estinzione. Sulle pendici himalayane e nelle foreste del Deccan si trovano gli elefanti indiani.
    Inoltre, in diverse aree, si possono incontrare bufali, cinghiali e rinoceronti, molte specie di primati, e ancora sciacalli e antilopi. Tra i rettili si trovano diverse specie di serpenti, tra cui i velenosi cobra, e i coccodrilli. Pappagalli, aironi, pavoni e martin pescatori sono alcune delle specie che compongono l’avifauna.

    Stagioni

    La presenza dell’Himalaya è di importanza fondamentale nella determinazione del clima indiano, così come il deserto di Thar. La catena montuosa frena i venti freddi provenienti dall’Asia centrale mentre il deserto attrae i venti del monsone estivo.
    L’inverno indiano si caratterizza per i periodi di siccità, dicembre è il mese più freddo con temperature comunque solitamente al di sopra dei 18°C e l’estate si presenta invece molto calda, le temperature a maggio possono raggiungere e superare i 50°. Da giugno a settembre si ha la stagione delle piogge e i mesi più caldi e asciutti tra marzo e maggio. Nelle zone del nord e nord-est del paese le temperature invernali possono scendere anche sotto lo zero e nello specifico le regioni dell’Himalaya presentano un clima alpino.

    Quando partire

    Sarebbe preferibile decidere il periodo in cui recarsi in India a seconda della destinazione scelta. Alcune zone himalayane sono inaccessibili per la maggior parte dell’anno per esempio. Generalmente l’estate si protrae da aprile a giugno, quando il clima si presenta prevalentemente asciutto e molto caldo. Tra fine giugno e fine agosto il monsone porta violenti rovesci di pioggia che si muovono da sud verso nord. La pianura del fiume Gange è estremamente umida nel mese di agosto, sulle regioni himalayane invece già a settembre si verificano le prime nevicate.

    Da non perdere

    - Perdersi nell’ammirazione del Taj Mahal
    - Assistere all’antica danza Bharatanatyam, a Chennai
    - Fare shopping di preziosi tessuti a Delhi o Mumbai
    - Smarrirsi tra gli edifici coloniali di Fort Cochin
    - Andare al cinema a vedere un film di Bollywood
    - Visitare il Rock Garden a Chandigarh, vi sono 5mila sculture realizzate con resti di motore, sanitari ecc.
    - Esplorare i monasteri del ‘piccolo Tibet’ a Ladakh
    - Presenziare ad un incontro con il Dalai Lama
    - Visitare Varanasi, la città sacra per eccellenza


    SVIZZERA

    Ambasciata svizzera in India: Nyaya Marg, Chanakyapuri - P.O. Box 392 - New Delhi -110021 - Tel. 0091 11 4995 9500
    Consolato generale svizzero a Bangalore: Crescent Park - 26 Rest House Crescent - Bangalore 560001 - Tel. 0091 80 4113 0905
    Consolato generale svizzero a Mumbai: 102 Maker Chambers IV, 10th Floor - 222, Jamnalal Bajaj Marg - Nariman Point - Mumbai 400 021 - Tel.0091 22 22 88 4563/ 64/ 65

    Ambasciata indiana in Svizzera: Case postale 406, Kirchenfeldstrasse 28 - 3000 Berna 6 – Tel. 0041 031 350 11 30
    Consolato generale indiano a Ginevra: Rue du Valais 9 - 1202 Ginevra – Tel. 0041 022 906 86 86
    Consolato generale indiano a Zurigo: Bahnhofplatz 9 - 8001 Zurigo – Tel. 0041 043 344 32 14

    ITALIA

    Ambasciata italiana in India: 50-E Chandragupta Marg Chanakyapuri - New Delhi 110021 – Tel. 0091 11 26114355
    Consolato italiano a Bombay: ”Kanchanjunga”-1st Floor 72, G. Deshmukh Marg Mumbai 400026 – Tel. 0091-22-23804071
    Consolato italiano a Kolkata (Calcutta): 3 Raja Santosh RoadAlipore - 700027 Kolkata – Tel. 0091 33-24792414
    Consolato onorario italiano a Bangalore: Indena India Pvt. 94 V ‘A’ Cross, II Main Hig Colony - 560094 Bangalore – Tel. 0091 80 28567247

    Ambasciata indiana in Italia: Via XX Settembre 5 - 00187 Roma – Tel. 0039 06 42013916
    Consolato indiano a Milano: Via Larga 16 - 20122 Milano – Tel. 0039 02 865337/ 02 48701173
    Consolato indiano a Napoli: Via Manzoni 52 - 80123 Napoli – Tel. 0039 081 643519

Destinazioni che proponiamo